Marco Trisciuoglio. Nota sulle morfologie urbane transizionali come critica agli studi urbani in ambito cinese

Nota sulle morfologie urbane transizionali come critica agli studi urbani in ambito cinese. La mappa tipologica di Hehua Tang a Nanchino
Note on the transitional urban morphologies
as a criticism of urban studies
in the chinese context. The typological
map on Nanjing Hehua Tang
U+D n.14 – 2021

 

 

 

 

 

 

 

 

Le città cinesi di oggi non sembrano paragonabili, nelle loro strade e nei loro edifici, con le città cinesi ancora esperibili nella prima metà del secolo XX, con i caratteri morfologici di lunga durata derivati dalla storia e chiaramente riconoscibili. La Nanchino di oggi, per come viene descritta nel romanzo di ZHU Wen Se non è amore vero, allora è spazzatura (什么 是 拉圾 ,什么 是 爱, 2004), è così lontana dalla Nanchino descritta da YE Zhaoyan in Nanchino 1937. Una storia d’amore (一九 三 七年 的 爱情, 1996), per non parlare della perdita oggi di quel senso degli spazi urbani e dei luoghi privati che si può ancora trovare leggendo le lettere di My Lady of the Chinese Courtyard, il romanzo epistolare di Elizabeth Cooper ambientato nel Jiangsu del 1914, o tuffandosi letteralmente nelle pagine caleidoscopiche del monumentale romanzo Il sogno della camera rossa (红楼梦), scritto secondo la tradizione da CAO Xueqin a metà XVIII secolo.
In effetti, l’esercizio di una più attenta comprensione delle transizioni di una città, dal carattere urbano che era proprio dei secoli delle dinastie Ming e Qing al carattere di una città ridisegnata durante la breve Repubblica Cinese, poi trasformato ancora nel carattere di una città sottoposta ai processi di modernizzazione durante il “balzo in avanti” sino alla metamorfosi ormai compiuta
nella metropoli complessa e “smart” dell’Asia di oggi, può essere utile per comprendere il terreno di gioco sul quale stanno decidendo il futuro di una città come Nanchino progettisti, urbanisti e stakeholders.

open file   1 -Marco Trisciuoglio – Nanjing

FRANCO PURINI – DESIGNING A MANIFESTO

DESIGNING A MANIFESTO

by FRANCO PURINI – in Paesaggio Urbano n.1, 2014

Team leader: Giuseppe Strappa
Project team:  Alessandro 
Camiz, Paolo Carlotti, Giancarlo Galassi, Martina Longo. 

COMPETITION FOR THE REDEVELOPMENT OF AN AREA IN THE HISTORIC CENTRE OF CAREZZANO MAGGIORE FOR SOCIAL AND CIVIC USES – first prize

click here              Purini su Carezzano  

An extensive debate about the city, based on different
and sometimes radically divergent models, in recent
years attempted to verify, using interpretative models
developed by the twentieth century architectural culture,
what was going on in cities.
Among these, three models can be distinguished because
of their complexity, clarity and interest.
With regard to Italy, the first of these models follows a
study tradition dating back to Gustavo Giovannoni,
Saverio Muratori, Gianfranco Caniggia, Giancarlo Cataldi
and Pier Luigi Maffei. This one is the most influential
and enduring theoretical and operational model on urban
studies produced in Italy, and it considers the city as
an organism with a layered structure.
The second model interprets the city as a system of
dynamic relationships, as a communicative flow
of networks. The city is considered here more than a
physical fact, a pure projection of information and events,
a chaotic and metamorphic simulacrum, a collage
suspended between the city of Colin Rowe and Fred Koetter
and the generic city of Rem Koolhaas. What appears to be
essential to this point of view is the immateriality of the city.
The landscape is the keyword to the third model. Assuming
the landscape paradigm, the city lost not only its physical
identity but also the immaterial one: a neo-naturalistic vision,
blurring the microcosm into the macrocosm, took the place
of identity.
Giuseppe Strappa is one of the most prominent members of
the structuralist line, attentive and creative interpreter of the
Caniggian lesson (continued with remarkable originality);
he has succeeded in creating an actual School, based on
the notion of architectural and urban organism, within
the Faculty of Architecture in Rome. His conception
of architecture is based on the relationship between
unity and parts, plasticity and elasticity, uniqueness
and seriality, design and construction, and between
many other dialectical dyads. The project proceeds
not only in an analytical way, but also following
indirect and unpredictable paths where memory and
emotion make the invisible visible. His theoretical and
architectural work is anyway open to a constant critical
review, comparing his beliefs with what emerged from
disciplinary alternatives.
One of the last works of Giuseppe Strappa, the
redevelopment of an area of the historical center
of Carezzano Maggiore in Piemonte, is a kind of
exemplar manifesto where the coincidence between
an admirable theoretical accuracy and a recognizable
architectural writing maturity produced a more
than significant result. This project, first prize winner of a
competition, was elaborated by a design group directed
by Giuseppe Strappa, with Alessandro Camiz, Paolo
Carlotti, Giancarlo Galassi, Martina Longo, and by the
collaborators Marco Maretto, Nicolò Boggio, Pina Ciotoli.
It is the outcome of three intentions: the accurate
reconstruction of the formation phases of Carezzano
Maggiore, the contribution of that part to a new identity, the
definition of a spatial warping which, through a careful and
inspired decodification of the metrics of the urban tissues,
reorganizes the existing settlement enrolling it into a
new set of urban relationships.
The buildings were recasted into a new facility enclosing a
new civic center, following the palazzo type evolution. For the
variety of content and the way in which it is composed into a
coherent system, the project gives a convincing answer to
the new paradigm of urban regeneration.
The project of Giuseppe Strappa is the result of listening
to the formation phases of the city and to the urban
imagination. An imagination which, by incorporating the
built memory, resulted in a complete and definitive form,
always rational, but, in its very nature, unspeakable. There a
also emerges from the project a sense of duration and at the
same time the representation of how, conversely, the
circumstances that produced it must be transcended to be
seen as something suprahistorical.
Finally, this work shows how the structuralist line on the
interpretation of the city is able to promote innovative
responses to more complex urban problems. It points out
that the city can not help but design ideas that move from
its collective identity.

LETTER FROM THE STUDENTS OF THE URBAN MORPHOLOGY COURSE TO THE PRESIDENT OF THE A.R. MASTER COURS AND TO THE DIRECTOR OF THE DIAP DEPARTMENT.

Date: Fri, Jan 22, 2021, 11:24 AM
To: Nicola Santopuoli <nicola.santopuoli@uniroma1.it>, <alessandra.capuano@uniroma.it>

Dear Prof. Nicola Santopuoli and Prof.ssa Alessandra Capuano,

I am writing on behalf of my colleagues, the second year students of The Master degree of Architecture Conservation (international program). We want to convey that we are very happy with the course of Urban Morphology by Prof. Giuseppe Strappa.

During this difficult period, even though the lessons were held online, Prof. Strappa has always organized the class in interesting sessions; including seminars presented by other universities’ professors to give short lectures about broad topics of Urban Morphology. This class was well organized and since the beginning it has been very useful for us as students.

Regarding the topic of Urban Morphology itself, we think of it as an interesting and important subject which helped us get better understanding on reading of the urban fabric and its transformation process as it is the root of architectural advancements and restoration activites. As international students coming from so many countries and different cultural backgrounds, it was very rewarding for us to have knowledge about this topic.

During all the lessons, Prof. Strappa and the assistant professors have always explained clearly and kindly about the material. The professor also provided us with plenty of study resources (books, research papers, articles etc.). All of them have been very kind and have taken utmost efforts to explain the concepts on a deeper level in a stipulated time period.

Considering the reasons mentioned above, we sincerely think that the course is very valuable and useful for us as students studying Architecture Conservation.

Thank you. Sincerely

On behalf of ;

  1. Retri Atta 1888274
  2. Nirmiti Sutar 1904432
  3. Aswathy Mooliyil 1890307
  4. Nada Mokhtar Ahmed 1920227
  5. Mugahid Abbas 1898072
  6. Chuci Li 1898794
  7. Beatrice Sacco 1636100
  8. Sahar Alamdari 1918341
  9. Atefeh Molaei 1916200

10.Mozhdeh Rafigh 1914964

11.Serli Hobikoglu 1909290

12.Muhamed shehbaaz 1918046

13.Jasna Jamal 1920936

14.Delaram Moussazadeh 1914525

15.Neginossadat Mansouri 1919503

16.MOHAMMAD ISHAAQ MOHIUDDIN – 1923824

17.Naida Kibaroglu 1889019

18.Lucy Hayes-Stevenson 1883003

19.Valeriya Borissova 1918644

20.Deniz Basak Gorur 1892080

21.Liliia Kulchitckaia 1895312

22.Muneer Ahmad Faizi 1908662

23.Roberto Villalobos 1889729

24.Patel neel 1922154

25.Valeriya Borissova 1918644

26.Deniz Basak Gorur 1892080

27.Liliia Kulchitckaia 1895312

28.Muneer Ahmad Faizi 1908662

29.Roberto Villalobos 1889729

30.Amtul Mateen Ayesha 1889583

  1. Jean Montagne 1884847
  2. Diellze Bucaliu 1906975
  3. Rita Salamouni 1904766
  4. Roshni Susan Kuruvilla 1913891
  5. Iffiu Anna Krisztina 1896451
  6. Yasmine Selim 1920198

37.Pelin Yılmaz 1735747

  1. Ecem Kundakçı 1910173
  2. Taylan Can YILMAZ 1889318
  3. Memnune Kubra OZER 1911371
  4. Yasaman Mehrabian 1920098

42.sevda bananbaghbani 1918170

  1. Chris Merrin – 1925340
  2. Niloofar Zangiband 1907192
  3. Seray Unver 1899327
  4. Ceyda Oflaz 1910144
  5. Sinem Çuhadar 1889415
  6. Ahmed Ghanem 1906360
  7. Rony Bouez 1883960
  8. Omar Elrefaey 1907022
  9. Denis Qerimi 1906985
  10. Astrit Rraci 1889669
  11. Ola Shaker 1910526

 

IL MIO LAVORO CON CLAUDIO

IL MIO LAVORO CON CLAUDIO

di Giuseppe Strappa

in G.Fallacara, A. Restucci (a cura di), Claudio D’Amato Guerrieri e la “scuola barese” di architettura, Roma 2021

————————————————————————————-

Non riesco a togliermi dalla mente il modo in cui Claudio se n’è andato. E questo mi rende difficile parlare di lui. Avrei voluto scrivere della nostra avventura di Bari, mettere in ordine le idee che hanno animato per anni i suoi sforzi e il desiderio impossibile, che era anche il mio, di una facoltà perfetta, esemplare. Ma è un lavoro che non riesco a fare.

Però quella sua solitudine estrema è anche la rappresentazione più immediata e vera di una singolare, generosa vicenda umana e scientifica che mi dà qualche argomento per rispondere alla domanda di Loredana e Giuseppe di partecipare, come amico fraterno, al tributo che la sua Facoltà gli deve.

Posso dire che quello di Claudio era un isolamento ostinato, aristocratico, vissuto con orgoglio e ritenuto, in un mondo in cui relazioni e alleanze sono tutto, quasi una virtù da coltivare. Per questo, nel sistema accademico, la sua presenza è risultata spesso conflittuale.
Ho sempre ammirato la sua coraggiosa determinazione, la capacità di difendere le proprie convinzioni contro tutti, forte solo di un’intelligenza politica che gli permetteva di risolvere le situazioni più difficili in modo brillante e inaspettato, a volte persino con disinvoltura e ironia.

La sua era una vita, nonostante le frequenti riunioni conviviali, ordinata da una regola monacale che faceva parte della sua stessa personalità di architetto, rispecchiata dal culto di una geometria rigorosa, dalla ricerca di leggi generali, dell’unità contrapposta alla confusione delle cose che gli stavano intorno, le forme estemporanee e arbitrarie di tanta produzione di successo, la didattica di architettura formata da un insieme eterogeneo di discipline indipendenti.

Un modo arduo di vedere le cose: è più facile stare dalla parte dell’immediatezza e della spontaneità che riconoscere principi generali con i quali l’individuo disperso deve fare i conti, cercare la salvezza. Solo col tempo ho scoperto come Claudio sapesse riconoscere queste regole in modo poetico, scoprire il pathos delle cose necessarie e limitate, la gioia della forma compiuta contro l’informale.

Lo dico a ragion veduta, perché di queste cose parlavamo spesso e l’amicizia, la solidarietà che ci legava era basata su convinzioni comuni. Della cui inattualità, peraltro, ci rendevamo perfettamente conto: sapevamo bene come fosse irrimediabilmente persa l’unità delle cose, come il mondo costruito fosse composto di frammenti, ma capivamo anche quanto fosse inutile tutta quella letteratura che stava nascendo intorno all’idea della città dispersa, quella retorica dell’oggetto separato dall’insieme che, invece, gli dà senso e lo spiega. Capivamo come rimanesse, in fondo a tutto, la necessità e il desiderio di quell’unità e fosse indispensabile insegnarla per il futuro. La sua perdita, ne parlavamo spesso, era paragonabile al declino della geometria euclidea nei licei, sostituita da geometrie ritenute più moderne. Con essa si era persa, come scriveva Lucio Russo, uno dei nostri idoli, la capacità di riportare tutto a leggi generali che spiegano il particolare, la consuetudine alla dimostrazione. Per questo vedevamo nello studio dei processi formativi dell’architettura la dimostrazione didattica di una possibile nuova organicità, dove tutto deve avere una ragione, collaborare alla totalità della costruzione.

Abbiamo sempre condiviso l’idea di una facoltà basata sulla solida collaborazione tra discipline. Una scuola, in realtà, più che una facoltà universitaria.  La differenza tra i due termini è fondamentale. L’università è suddivisa in discipline che rivendicano, ognuna, un proprio corpus specifico, un’autonomia di ricerca e di insegnamento. La scuola è, invece, nella tradizione di Boito e Giovannoni, una società di insegnamenti che hanno, tutti, un fine comune. Ogni disciplina si adegua qui al fine generale che, per noi, era soprattutto quello di formare progettisti.

La didattica di architettura è un’architettura essa stessa: può avere, semplificando un po’ le cose, carattere organico, dove ogni elemento è in rapporto di necessità con l’altro, strutturato secondo principi di congruenza e proporzione, o seriale, costituita da parti relativamente indipendenti, come nel sistema dei dipartimenti, “un sistema estraneo alla mentalità europea” per riportare una frase di Erwin Panofsky che Claudio citava spesso.

La formazione di un progettista avrebbe dovuto ruotare intorno alle nozioni unificanti di forma costruita e processo. Una tradizione senz’altro romana e originale nel contesto europeo. Ne parlavamo continuamente, con passione, come si parla di una partita di calcio. Claudio notava spesso, con compiacimento, che nello stesso anno in cui a in Germania, nel 1919, nasceva la Bauhaus, che negava l’utilità della storia, si fondava a Roma una scuola basata proprio sul suo insegnamento.

A me sembrava che si stesse per realizzare il sogno di una formazione basata non su astrazioni, come quella che avevo ricevuto nella Facoltà di Valle Giulia, stancamente derivata dai principi ormai esausti del movimento moderno, ma sulla realtà in divenire delle cose, sui materiali, le tecniche, la storia, i linguaggi. Erano i principi della scuola di Giovannoni e Milani, che, nella mia interpretazione delle cose, erano stati ereditati e trasmessi da Gianfranco Caniggia e che ora sembravano riemergere vitali e attualissimi. Credevamo, anche, che alcune convinzioni fondanti della cultura architettonica italiana potessero essere riprese e continuate: quelle di Ernesto Nathan Rogers e del ruolo centrale della nozione di continuità, quelle di Saverio Muratori e dell’idea che la condizione presente sia il portato di cause remote che la generano. Temi che una pervasiva retorica del presente sembrava mettere progressivamente da parte.

Tutto cominciò quando ero ancora un giovane ricercatore a Roma e Claudio, che quasi non conoscevo, mi affidò all’improvviso un corso di Caratteri dell’architettura nella Facoltà di Bari appena fondata. Un insegnamento teorico annuale che non avevo mai tenuto prima, con molte ore, faticosissimo. Mi indicò anche un collaboratore, Matteo Ieva, che divenne nel tempo un prezioso compagno di strada e un amico carissimo. Ero costretto ad organizzare la struttura del corso studiando e preparando le lezioni di settimana in settimana. Tenevo il corso tra le mura fredde e umide del Monastero di Santa Scolastica, davanti a una folla di studenti silenziosi e intirizziti che riempiva l’aula magna. In prima fila, Claudio.

Tentavo, nell’alveo della tradizione didattica di cui mi sentivo con presunzione erede, di innovare l’insegnamento con argomenti nuovi e nuove interpretazioni su cui stavo ancora lavorando. Cercavo però di usare poco il termine “tipo”, per i tanti pregiudizi che si portava dietro, frutto di decenni di interpretazioni volgari. Mi resi invece conto, qualche tempo dopo, che Claudio condivideva del tutto l’utilità del termine, il suo significato etico di nozione anti-individuale, il valore di sintesi a priori che Saverio Muratori gli aveva attribuito e che io mi sforzavo di trasmettere agli studenti. Alla fine di quattro ore di lezione, Claudio mi poneva domande insidiose e si dichiarava, a volte, poco convinto della risposta. Mi sentivo deluso e imbarazzato perché consideravo quel lavoro una specie di missione ed ero disposto, al più, ad ammettere di non essere stato chiaro.

Dagli appunti di quelle lezioni ho ricavato, dietro suo consiglio, un testo che ancora considero importante. Claudio ne lesse e rilesse le bozze con calma, nel corso di una lunga e misteriosa degenza in un ospedale del nord. Credo che sia uno dei pochissimi colleghi che abbia letto con attenzione il mio libro. Cominciò a scrivermi messaggi incuriositi, poi sempre più interessati, come per una scoperta. In realtà conosceva da tempo, sono convinto, le cose che scrivevo e forse il mio testo le aveva solo disposte in sequenza logica. Claudio aveva capito, proprio perché del tutto cosciente della condizione di crisi che attraversavamo, come fosse necessario superare l’individualismo della produzione contemporanea, ricercare la legge che stringe il molteplice in unità. E come ogni disegno di progetto dovesse essere, insieme, sintesi della lettura delle trasformazioni in atto, e conclusione personale di un itinerario. Una forma “trovata”, un’invenzione nel senso vero, etimologico del termine, contro la ricerca ansiosa, sempre più scontata e arbitraria, del nuovo.

Sapeva bene, anche, come queste convinzioni dovessero fare i conti con una realtà conflittuale, come i grandi sistemi interpretativi che avevano cercato di ordinare l’architettura in un insieme armonico, non tenessero più. Questa cognizione delle cose gli permetteva di aprirsi anche a realtà diverse, a sistemi di pensiero distanti dal suo, capire quanto fosse importante possedere una verità, ma ammettere che ne esistano molte altre. La cosa che più l’aveva convinto, nel mio testo, erano i capitoli sulla trasformazione della materia in materiale, sull’origine degli elementi e delle strutture. Era per lui evidente come la nozione di area culturale permanesse anche con la globalizzazione, come perdurasse un carattere elastico nelle aree del gotico, interpretate modernamente dalle strutture metalliche, leggere, portanti e non chiudenti, e come il loro aggiornamento contemporaneo nel Nord Europa fosse considerato l’interpretazione autentica della contemporaneità. Ed era altrettanto evidente come la tradizione plastica delle aree mediterranee fosse stata in gran parte abbandonata, come avesse prodotto pochi esiti rilevanti dal dopoguerra in poi. Era arrivato dunque il momento di riproporre la vitalità della cultura muraria (che non è solo costruzione in muratura), la sua attitudine a risolvere problemi contemporanei. La diade plastico-murario-organico/ elastico-ligneo-seriale, di cui parlavo nel mio libro, diventò uno dei leitmotiv delle nostre conversazioni e anche un modo di dire.

Il testo divenne per alcuni anni un riferimento nella facoltà di Bari e devo a lui se per qualche tempo ha avuto una certa notorietà. Lo studio della struttura plastico muraria, del resto, era perfettamente congruente con la necessità, da tempo da lui individuata, di studiare i materiali dell’edilizia pugliese. Ma l’esegesi dei testi murari aveva anche un più generale valore didattico. Le strutture in pietra, in particolare, impongono un’organicità evidente alla costruzione: ogni elemento è “individuato” all’interno dell’organismo, si adegua in modo individuale al rapporto di necessità con la struttura cui appartiene. Trasmette, in altre parole, la nozione di organicità in termini concreti, evidenti e immediatamente comprensibili. Credo che queste considerazioni non solo gli fossero note, ma che avessero fatto parte della sua formazione. La casa Reggini a San Marino, costruita dieci anni prima della fondazione della facoltà di Bari, credo sia stata per lui il piccolo laboratorio dove sperimentare molti dei principi di coerenza tettonica che diverranno un fondamento del suo insegnamento.

Claudio, che io ricordi, ne parlò una volta sola, ma credo che lo ritenesse un testo importante. Questo suo primo lavoro costruito ha ben poco a che vedere, in realtà, con il tipo “della casa rurale tipica dell’agro riminese” come ha scritto qualche disinvolto esegeta (cui consiglio di dare un’occhiata al bel testo di Lucio Gambi sull’argomento). La costruzione mantiene il perimetro di una precedente costruzione agricola, ma basta osservarne lo spazio interno per capire come Claudio si sia rivolto a precedenti ben diversi, nella ricerca di un impianto assiale senza tempo, sottolineato dal percorso che continua con la scala centrale a tenaglia. Perfino il portico d’ingresso diviene pronao, rappresentazione autonoma e indiretta della struttura interna, alla Alberti, espressa con una lingua aulica che contrasta col parlato quotidiano del resto della costruzione. La concezione  tettonica contiene molti riferimenti, che diventeranno ricorrenti nella poetica di Claudio, all’architettura massiva e opaca delle aree murarie, alle strutture plastiche che portano i carichi e allo stesso tempo chiudono gli spazi, legando solidalmente costruzione e invenzione.

Credo che renda meno leggibili queste ricerche, un gusto storicista che Claudio continuerà a coltivare ostinatamente nel corso degli anni e che viene comunemente associato, a torto, al postmodernismo. In realtà Claudio non era postmoderno. Al contrario, non riteneva affatto che non esistessero verità ma solo interpretazioni, secondo la nota asserzione di Nietzsche cara al pensiero postmoderno. Aveva chiaro, invece, un punto di vista opposto al relativismo allora dominante. La sua verità, che pur sapeva essere parziale e provvisoria, era tanto chiara da renderlo a volte intollerante. Al di là degli strumenti di progetto e dei linguaggi, al di là perfino dell’architettura, Claudio possedeva, in realtà, uno spirito profondamente classico, nel senso più profondo e autentico del termine. Uno spirito che io condividevo e condivido.
La sua nota predilezione per la pietra, ritenuta emotivamente antimoderna, era invece da architetto, il portato di una scelta razionale, la ricerca delle forme originarie, stabili, condivise che occorreva poi interpretare individualmente. L’architettura plastica delle strutture lapidee sembrava, in realtà, trasmettere principi universali da ricercare nei testi costruiti, nelle tecniche raffinate dalla ripetizione nel tempo, le quali impongono regole di proporzione e congruenza che si traducono in misura formale.

Questo studio ha incluso, più tardi, importanti aggiornamenti come l’analisi della stereometria, o di elementi tecnicamente proponibili sul mercato edilizio. Ma la grande valenza didattica della progettazione plastica risiedeva nella sua attitudine dimostrativa, nel proporre un mondo di regole depurato e semplice: un processo di riduzione critica della realtà che, come tale, contiene scelte interpretative e programmatiche. La “semplificazione critica” si poneva, in questo senso, non diversamente da ogni ipotesi scientifica, come risultato di un atto di selezione: la possibile sintesi unificante ricercata in quanto la realtà costruita contiene di tipico, generalizzabile, duraturo, come uno strato geologico profondo che si modifica con lentezza al di sotto del flusso delle improvvise trasformazioni in superficie.

Questo insegnamento di metodo doveva essere una delle basi su cui fondare il progetto. Ma ogni progetto è una scrittura, ogni costruzione un testo che impiega, se ben scritto, regole e convenzioni condivise. Claudio sapeva che non si può disegnare pensando di continuo alle leggi che regolano la costruzione. Lo studio della forma e delle sue regole doveva, per questo, costituire la base di conoscenze che, una volta acquisite, permette di esprimersi con immediatezza, anche poeticamente, ed essere compresi, come chi scrive un racconto non pensa più alla sintassi delle sue frasi, o il musicista alle regole delle sue composizioni. Per questo credeva che gli studenti dovessero imparare bene la morfologia, le regole della forma, e poi impiegare le conoscenze acquisite per ricercare l’innovazione, l’originalità, il contributo personale alla formazione della realtà costruita. Regole dimostrative che, come per la geometria euclidea, appunto, prescindono dal loro valore intrinseco: continueranno a spiegare il senso e la necessità di una struttura generale che raccolga in unità il molteplice anche quando saranno cambiate.

Questa sua partecipazione intensa e controcorrente alla necessità di un ordine razionale e trasmissibile rafforzava, in realtà, le barriere che si andavano formando intorno a lui e che sono diventate ancora più evidenti quando ha lasciato i ruoli accademici. La cognizione di questo isolamento era per lui una condizione di lavoro e una sfida. Per quanto il termine possa sembrare inopportuno in un ambiente, come quello accademico, incline al pragmatismo, ricordo quella di Claudio come una figura epica. Era epico il furore con cui conduceva le sue battaglie, epico il suo modo di intervenire nelle assemblee, epico perfino il furore intellettuale con cui teneva alcune lezioni.  Se ripenso alla distesa di miserie che ho dovuto attraversare nella mia vita universitaria, la sua vicenda mi appare, ora, come un’epopea, l’avventura di un uomo appassionato e lucidissimo che ha saputo mantenere un timone etico nel mare delle incertezze e delle contraddizioni della vita.

Dopo tanti anni di consuetudine, intellettuale e umana, faccio fatica a separare le mie idee dalle sue. Ogni tanto mi debbo fermare e rileggere quello che ho scritto, per non rischiare di attribuirgli le mie convinzioni. Ma le mie opinioni erano in buona parte fuse con le sue e, comunque, la mia interpretazione del suo pensiero è senz’altro di parte. Era, del resto, proprio questo modo di vedere il mondo, insieme alla comunanza di interessi e passioni, che aveva consolidato la nostra amicizia, andata avanti per molti anni.

I nostri rapporti si sono interrotti improvvisamente nel 2007, col mio trasferimento a Roma, che Claudio non mi ha mai perdonato. Ci siamo rivisti solo all’ultimo, quando avevamo capito che era rimasto poco tempo per incontrarci. Perché il legame di amicizia fraterna era rimasto comunque, indissolubile, e Claudio me lo aveva manifestato con un intervento alla presentazione di un mio libro e all’ultima lectio magistralis che ho tenuto a Fontanella Borghese. Interventi generosi e pieni di affetto.
Forse non mi ero reso conto di quanto questo legame fosse forte e profondo se non ora che lo ho perso, davanti ai fogli sui quali scrivo, con inaspettata fatica, del suo lavoro.

 

 

 

Progetto urbano. La costruzione della forma urbana tra architettura e città

Giornata di Studi | Venerdì_22 gennaio 2021 | H_9:00

Locandina 11-01-2021_per web
La Giornata di Studi ideata e coordinata dai professori Renato Capozzi e Federica Visconti – docenti del DiARC, ma anche membri del Collegio dei Docenti del Dottorato in Architettura e Costruzione (DRACo) della Sapienza Università di Roma – e Dina Nencini – coordinatrice del DRACo – intende proporre una riflessione e attivare un confronto sul ruolo del progetto urbano nella costruzione della forma urbana. La Giornata di Studi sarà suddivisa in due sezioni. Nella prima, Franco Purini – Emeritus della Sapienza Università di Roma – parlerà della crisi che il progetto urbano si trova a fronteggiare nella contemporaneità. Purini, infatti, in una recente lectio magistralis tenuta in occasione dell’inaugurazione dell’anno dottorale 2020-2021, ha proposto un appello per un ritorno alla centralità degli studi urbani, in linea peraltro con una tradizione tutta italiana. Seguiranno le lectiones dei professori Uwe Schröder (RWTH Aachen University) e Carlo Moccia (Politecnico di Bari), i quali, assumendo come punto di partenza un attento lavoro analitico finalizzato alla lettura della forma urbis, proporranno un modo di lavorare sul ridisegno dello spazio aperto della città europea. Concluderà la prima sezione del seminario la Tavola Rotonda, coordinata dal professore Giuseppe Strappa (Sapienza Università di Roma).
La seconda sezione sarà inaugurata dal professore Bruno Messina (Università degli Studi di Catania), come coordinatore della Collana Ricerche in Composizione Urbana di LetteraVentidue, che ha quale suo ambito di interesse proprio le questioni inerenti al progetto urbano e quindi alla forma della città. La Giornata di Studi, inoltre, sarà l’occasione per presentare i risultati del seminario progettuale “Berlin City West”, promosso dal Dottorato di Venezia e quindi dal suo coordinatore, il professore Armando Dal Fabbro, che introdurrà la sezione “Progetti per Berlino”. In quest’ultima, le scuole di dottorato in progettazione di Italia che hanno aderito all’iniziativa dello IUAV – Bari, Roma, e, in aggiunta, anche Napoli –, illustreranno il lavoro svolto durante il seminario e gli esiti della ricerca progettuale.
La Giornata di Studi, che si svolgerà il 22 gennaio 2021 (su piattaforma Microsoft TEAMs) intende quindi riflettere sulla questione delle trasformazioni urbane e sulle idee di città, sul progetto come strumento di conoscenza della forma urbana e sulla ricerca attraverso l’azione progettuale.
Link: https://bit.ly/34mvVTm