Tag Archives: Urban morphology

IL MIO LAVORO CON CLAUDIO

IL MIO LAVORO CON CLAUDIO

di Giuseppe Strappa

in G.Fallacara, A. Restucci (a cura di), Claudio D’Amato Guerrieri e la “scuola barese” di architettura, Roma 2021

————————————————————————————-

Non riesco a togliermi dalla mente il modo in cui Claudio se n’è andato. E questo mi rende difficile parlare di lui. Avrei voluto scrivere della nostra avventura di Bari, mettere in ordine le idee che hanno animato per anni i suoi sforzi e il desiderio impossibile, che era anche il mio, di una facoltà perfetta, esemplare. Ma è un lavoro che non riesco a fare.

Però quella sua solitudine estrema è anche la rappresentazione più immediata e vera di una singolare, generosa vicenda umana e scientifica che mi dà qualche argomento per rispondere alla domanda di Loredana e Giuseppe di partecipare, come amico fraterno, al tributo che la sua Facoltà gli deve.

Posso dire che quello di Claudio era un isolamento ostinato, aristocratico, vissuto con orgoglio e ritenuto, in un mondo in cui relazioni e alleanze sono tutto, quasi una virtù da coltivare. Per questo, nel sistema accademico, la sua presenza è risultata spesso conflittuale.
Ho sempre ammirato la sua coraggiosa determinazione, la capacità di difendere le proprie convinzioni contro tutti, forte solo di un’intelligenza politica che gli permetteva di risolvere le situazioni più difficili in modo brillante e inaspettato, a volte persino con disinvoltura e ironia.

La sua era una vita, nonostante le frequenti riunioni conviviali, ordinata da una regola monacale che faceva parte della sua stessa personalità di architetto, rispecchiata dal culto di una geometria rigorosa, dalla ricerca di leggi generali, dell’unità contrapposta alla confusione delle cose che gli stavano intorno, le forme estemporanee e arbitrarie di tanta produzione di successo, la didattica di architettura formata da un insieme eterogeneo di discipline indipendenti.

Un modo arduo di vedere le cose: è più facile stare dalla parte dell’immediatezza e della spontaneità che riconoscere principi generali con i quali l’individuo disperso deve fare i conti, cercare la salvezza. Solo col tempo ho scoperto come Claudio sapesse riconoscere queste regole in modo poetico, scoprire il pathos delle cose necessarie e limitate, la gioia della forma compiuta contro l’informale.

Lo dico a ragion veduta, perché di queste cose parlavamo spesso e l’amicizia, la solidarietà che ci legava era basata su convinzioni comuni. Della cui inattualità, peraltro, ci rendevamo perfettamente conto: sapevamo bene come fosse irrimediabilmente persa l’unità delle cose, come il mondo costruito fosse composto di frammenti, ma capivamo anche quanto fosse inutile tutta quella letteratura che stava nascendo intorno all’idea della città dispersa, quella retorica dell’oggetto separato dall’insieme che, invece, gli dà senso e lo spiega. Capivamo come rimanesse, in fondo a tutto, la necessità e il desiderio di quell’unità e fosse indispensabile insegnarla per il futuro. La sua perdita, ne parlavamo spesso, era paragonabile al declino della geometria euclidea nei licei, sostituita da geometrie ritenute più moderne. Con essa si era persa, come scriveva Lucio Russo, uno dei nostri idoli, la capacità di riportare tutto a leggi generali che spiegano il particolare, la consuetudine alla dimostrazione. Per questo vedevamo nello studio dei processi formativi dell’architettura la dimostrazione didattica di una possibile nuova organicità, dove tutto deve avere una ragione, collaborare alla totalità della costruzione.

Abbiamo sempre condiviso l’idea di una facoltà basata sulla solida collaborazione tra discipline. Una scuola, in realtà, più che una facoltà universitaria.  La differenza tra i due termini è fondamentale. L’università è suddivisa in discipline che rivendicano, ognuna, un proprio corpus specifico, un’autonomia di ricerca e di insegnamento. La scuola è, invece, nella tradizione di Boito e Giovannoni, una società di insegnamenti che hanno, tutti, un fine comune. Ogni disciplina si adegua qui al fine generale che, per noi, era soprattutto quello di formare progettisti.

La didattica di architettura è un’architettura essa stessa: può avere, semplificando un po’ le cose, carattere organico, dove ogni elemento è in rapporto di necessità con l’altro, strutturato secondo principi di congruenza e proporzione, o seriale, costituita da parti relativamente indipendenti, come nel sistema dei dipartimenti, “un sistema estraneo alla mentalità europea” per riportare una frase di Erwin Panofsky che Claudio citava spesso.

La formazione di un progettista avrebbe dovuto ruotare intorno alle nozioni unificanti di forma costruita e processo. Una tradizione senz’altro romana e originale nel contesto europeo. Ne parlavamo continuamente, con passione, come si parla di una partita di calcio. Claudio notava spesso, con compiacimento, che nello stesso anno in cui a in Germania, nel 1919, nasceva la Bauhaus, che negava l’utilità della storia, si fondava a Roma una scuola basata proprio sul suo insegnamento.

A me sembrava che si stesse per realizzare il sogno di una formazione basata non su astrazioni, come quella che avevo ricevuto nella Facoltà di Valle Giulia, stancamente derivata dai principi ormai esausti del movimento moderno, ma sulla realtà in divenire delle cose, sui materiali, le tecniche, la storia, i linguaggi. Erano i principi della scuola di Giovannoni e Milani, che, nella mia interpretazione delle cose, erano stati ereditati e trasmessi da Gianfranco Caniggia e che ora sembravano riemergere vitali e attualissimi. Credevamo, anche, che alcune convinzioni fondanti della cultura architettonica italiana potessero essere riprese e continuate: quelle di Ernesto Nathan Rogers e del ruolo centrale della nozione di continuità, quelle di Saverio Muratori e dell’idea che la condizione presente sia il portato di cause remote che la generano. Temi che una pervasiva retorica del presente sembrava mettere progressivamente da parte.

Tutto cominciò quando ero ancora un giovane ricercatore a Roma e Claudio, che quasi non conoscevo, mi affidò all’improvviso un corso di Caratteri dell’architettura nella Facoltà di Bari appena fondata. Un insegnamento teorico annuale che non avevo mai tenuto prima, con molte ore, faticosissimo. Mi indicò anche un collaboratore, Matteo Ieva, che divenne nel tempo un prezioso compagno di strada e un amico carissimo. Ero costretto ad organizzare la struttura del corso studiando e preparando le lezioni di settimana in settimana. Tenevo il corso tra le mura fredde e umide del Monastero di Santa Scolastica, davanti a una folla di studenti silenziosi e intirizziti che riempiva l’aula magna. In prima fila, Claudio.

Tentavo, nell’alveo della tradizione didattica di cui mi sentivo con presunzione erede, di innovare l’insegnamento con argomenti nuovi e nuove interpretazioni su cui stavo ancora lavorando. Cercavo però di usare poco il termine “tipo”, per i tanti pregiudizi che si portava dietro, frutto di decenni di interpretazioni volgari. Mi resi invece conto, qualche tempo dopo, che Claudio condivideva del tutto l’utilità del termine, il suo significato etico di nozione anti-individuale, il valore di sintesi a priori che Saverio Muratori gli aveva attribuito e che io mi sforzavo di trasmettere agli studenti. Alla fine di quattro ore di lezione, Claudio mi poneva domande insidiose e si dichiarava, a volte, poco convinto della risposta. Mi sentivo deluso e imbarazzato perché consideravo quel lavoro una specie di missione ed ero disposto, al più, ad ammettere di non essere stato chiaro.

Dagli appunti di quelle lezioni ho ricavato, dietro suo consiglio, un testo che ancora considero importante. Claudio ne lesse e rilesse le bozze con calma, nel corso di una lunga e misteriosa degenza in un ospedale del nord. Credo che sia uno dei pochissimi colleghi che abbia letto con attenzione il mio libro. Cominciò a scrivermi messaggi incuriositi, poi sempre più interessati, come per una scoperta. In realtà conosceva da tempo, sono convinto, le cose che scrivevo e forse il mio testo le aveva solo disposte in sequenza logica. Claudio aveva capito, proprio perché del tutto cosciente della condizione di crisi che attraversavamo, come fosse necessario superare l’individualismo della produzione contemporanea, ricercare la legge che stringe il molteplice in unità. E come ogni disegno di progetto dovesse essere, insieme, sintesi della lettura delle trasformazioni in atto, e conclusione personale di un itinerario. Una forma “trovata”, un’invenzione nel senso vero, etimologico del termine, contro la ricerca ansiosa, sempre più scontata e arbitraria, del nuovo.

Sapeva bene, anche, come queste convinzioni dovessero fare i conti con una realtà conflittuale, come i grandi sistemi interpretativi che avevano cercato di ordinare l’architettura in un insieme armonico, non tenessero più. Questa cognizione delle cose gli permetteva di aprirsi anche a realtà diverse, a sistemi di pensiero distanti dal suo, capire quanto fosse importante possedere una verità, ma ammettere che ne esistano molte altre. La cosa che più l’aveva convinto, nel mio testo, erano i capitoli sulla trasformazione della materia in materiale, sull’origine degli elementi e delle strutture. Era per lui evidente come la nozione di area culturale permanesse anche con la globalizzazione, come perdurasse un carattere elastico nelle aree del gotico, interpretate modernamente dalle strutture metalliche, leggere, portanti e non chiudenti, e come il loro aggiornamento contemporaneo nel Nord Europa fosse considerato l’interpretazione autentica della contemporaneità. Ed era altrettanto evidente come la tradizione plastica delle aree mediterranee fosse stata in gran parte abbandonata, come avesse prodotto pochi esiti rilevanti dal dopoguerra in poi. Era arrivato dunque il momento di riproporre la vitalità della cultura muraria (che non è solo costruzione in muratura), la sua attitudine a risolvere problemi contemporanei. La diade plastico-murario-organico/ elastico-ligneo-seriale, di cui parlavo nel mio libro, diventò uno dei leitmotiv delle nostre conversazioni e anche un modo di dire.

Il testo divenne per alcuni anni un riferimento nella facoltà di Bari e devo a lui se per qualche tempo ha avuto una certa notorietà. Lo studio della struttura plastico muraria, del resto, era perfettamente congruente con la necessità, da tempo da lui individuata, di studiare i materiali dell’edilizia pugliese. Ma l’esegesi dei testi murari aveva anche un più generale valore didattico. Le strutture in pietra, in particolare, impongono un’organicità evidente alla costruzione: ogni elemento è “individuato” all’interno dell’organismo, si adegua in modo individuale al rapporto di necessità con la struttura cui appartiene. Trasmette, in altre parole, la nozione di organicità in termini concreti, evidenti e immediatamente comprensibili. Credo che queste considerazioni non solo gli fossero note, ma che avessero fatto parte della sua formazione. La casa Reggini a San Marino, costruita dieci anni prima della fondazione della facoltà di Bari, credo sia stata per lui il piccolo laboratorio dove sperimentare molti dei principi di coerenza tettonica che diverranno un fondamento del suo insegnamento.

Claudio, che io ricordi, ne parlò una volta sola, ma credo che lo ritenesse un testo importante. Questo suo primo lavoro costruito ha ben poco a che vedere, in realtà, con il tipo “della casa rurale tipica dell’agro riminese” come ha scritto qualche disinvolto esegeta (cui consiglio di dare un’occhiata al bel testo di Lucio Gambi sull’argomento). La costruzione mantiene il perimetro di una precedente costruzione agricola, ma basta osservarne lo spazio interno per capire come Claudio si sia rivolto a precedenti ben diversi, nella ricerca di un impianto assiale senza tempo, sottolineato dal percorso che continua con la scala centrale a tenaglia. Perfino il portico d’ingresso diviene pronao, rappresentazione autonoma e indiretta della struttura interna, alla Alberti, espressa con una lingua aulica che contrasta col parlato quotidiano del resto della costruzione. La concezione  tettonica contiene molti riferimenti, che diventeranno ricorrenti nella poetica di Claudio, all’architettura massiva e opaca delle aree murarie, alle strutture plastiche che portano i carichi e allo stesso tempo chiudono gli spazi, legando solidalmente costruzione e invenzione.

Credo che renda meno leggibili queste ricerche, un gusto storicista che Claudio continuerà a coltivare ostinatamente nel corso degli anni e che viene comunemente associato, a torto, al postmodernismo. In realtà Claudio non era postmoderno. Al contrario, non riteneva affatto che non esistessero verità ma solo interpretazioni, secondo la nota asserzione di Nietzsche cara al pensiero postmoderno. Aveva chiaro, invece, un punto di vista opposto al relativismo allora dominante. La sua verità, che pur sapeva essere parziale e provvisoria, era tanto chiara da renderlo a volte intollerante. Al di là degli strumenti di progetto e dei linguaggi, al di là perfino dell’architettura, Claudio possedeva, in realtà, uno spirito profondamente classico, nel senso più profondo e autentico del termine. Uno spirito che io condividevo e condivido.
La sua nota predilezione per la pietra, ritenuta emotivamente antimoderna, era invece da architetto, il portato di una scelta razionale, la ricerca delle forme originarie, stabili, condivise che occorreva poi interpretare individualmente. L’architettura plastica delle strutture lapidee sembrava, in realtà, trasmettere principi universali da ricercare nei testi costruiti, nelle tecniche raffinate dalla ripetizione nel tempo, le quali impongono regole di proporzione e congruenza che si traducono in misura formale.

Questo studio ha incluso, più tardi, importanti aggiornamenti come l’analisi della stereometria, o di elementi tecnicamente proponibili sul mercato edilizio. Ma la grande valenza didattica della progettazione plastica risiedeva nella sua attitudine dimostrativa, nel proporre un mondo di regole depurato e semplice: un processo di riduzione critica della realtà che, come tale, contiene scelte interpretative e programmatiche. La “semplificazione critica” si poneva, in questo senso, non diversamente da ogni ipotesi scientifica, come risultato di un atto di selezione: la possibile sintesi unificante ricercata in quanto la realtà costruita contiene di tipico, generalizzabile, duraturo, come uno strato geologico profondo che si modifica con lentezza al di sotto del flusso delle improvvise trasformazioni in superficie.

Questo insegnamento di metodo doveva essere una delle basi su cui fondare il progetto. Ma ogni progetto è una scrittura, ogni costruzione un testo che impiega, se ben scritto, regole e convenzioni condivise. Claudio sapeva che non si può disegnare pensando di continuo alle leggi che regolano la costruzione. Lo studio della forma e delle sue regole doveva, per questo, costituire la base di conoscenze che, una volta acquisite, permette di esprimersi con immediatezza, anche poeticamente, ed essere compresi, come chi scrive un racconto non pensa più alla sintassi delle sue frasi, o il musicista alle regole delle sue composizioni. Per questo credeva che gli studenti dovessero imparare bene la morfologia, le regole della forma, e poi impiegare le conoscenze acquisite per ricercare l’innovazione, l’originalità, il contributo personale alla formazione della realtà costruita. Regole dimostrative che, come per la geometria euclidea, appunto, prescindono dal loro valore intrinseco: continueranno a spiegare il senso e la necessità di una struttura generale che raccolga in unità il molteplice anche quando saranno cambiate.

Questa sua partecipazione intensa e controcorrente alla necessità di un ordine razionale e trasmissibile rafforzava, in realtà, le barriere che si andavano formando intorno a lui e che sono diventate ancora più evidenti quando ha lasciato i ruoli accademici. La cognizione di questo isolamento era per lui una condizione di lavoro e una sfida. Per quanto il termine possa sembrare inopportuno in un ambiente, come quello accademico, incline al pragmatismo, ricordo quella di Claudio come una figura epica. Era epico il furore con cui conduceva le sue battaglie, epico il suo modo di intervenire nelle assemblee, epico perfino il furore intellettuale con cui teneva alcune lezioni.  Se ripenso alla distesa di miserie che ho dovuto attraversare nella mia vita universitaria, la sua vicenda mi appare, ora, come un’epopea, l’avventura di un uomo appassionato e lucidissimo che ha saputo mantenere un timone etico nel mare delle incertezze e delle contraddizioni della vita.

Dopo tanti anni di consuetudine, intellettuale e umana, faccio fatica a separare le mie idee dalle sue. Ogni tanto mi debbo fermare e rileggere quello che ho scritto, per non rischiare di attribuirgli le mie convinzioni. Ma le mie opinioni erano in buona parte fuse con le sue e, comunque, la mia interpretazione del suo pensiero è senz’altro di parte. Era, del resto, proprio questo modo di vedere il mondo, insieme alla comunanza di interessi e passioni, che aveva consolidato la nostra amicizia, andata avanti per molti anni.

I nostri rapporti si sono interrotti improvvisamente nel 2007, col mio trasferimento a Roma, che Claudio non mi ha mai perdonato. Ci siamo rivisti solo all’ultimo, quando avevamo capito che era rimasto poco tempo per incontrarci. Perché il legame di amicizia fraterna era rimasto comunque, indissolubile, e Claudio me lo aveva manifestato con un intervento alla presentazione di un mio libro e all’ultima lectio magistralis che ho tenuto a Fontanella Borghese. Interventi generosi e pieni di affetto.
Forse non mi ero reso conto di quanto questo legame fosse forte e profondo se non ora che lo ho perso, davanti ai fogli sui quali scrivo, con inaspettata fatica, del suo lavoro.

 

 

 

Progetto urbano. La costruzione della forma urbana tra architettura e città

Giornata di Studi | Venerdì_22 gennaio 2021 | H_9:00

Locandina 11-01-2021_per web
La Giornata di Studi ideata e coordinata dai professori Renato Capozzi e Federica Visconti – docenti del DiARC, ma anche membri del Collegio dei Docenti del Dottorato in Architettura e Costruzione (DRACo) della Sapienza Università di Roma – e Dina Nencini – coordinatrice del DRACo – intende proporre una riflessione e attivare un confronto sul ruolo del progetto urbano nella costruzione della forma urbana. La Giornata di Studi sarà suddivisa in due sezioni. Nella prima, Franco Purini – Emeritus della Sapienza Università di Roma – parlerà della crisi che il progetto urbano si trova a fronteggiare nella contemporaneità. Purini, infatti, in una recente lectio magistralis tenuta in occasione dell’inaugurazione dell’anno dottorale 2020-2021, ha proposto un appello per un ritorno alla centralità degli studi urbani, in linea peraltro con una tradizione tutta italiana. Seguiranno le lectiones dei professori Uwe Schröder (RWTH Aachen University) e Carlo Moccia (Politecnico di Bari), i quali, assumendo come punto di partenza un attento lavoro analitico finalizzato alla lettura della forma urbis, proporranno un modo di lavorare sul ridisegno dello spazio aperto della città europea. Concluderà la prima sezione del seminario la Tavola Rotonda, coordinata dal professore Giuseppe Strappa (Sapienza Università di Roma).
La seconda sezione sarà inaugurata dal professore Bruno Messina (Università degli Studi di Catania), come coordinatore della Collana Ricerche in Composizione Urbana di LetteraVentidue, che ha quale suo ambito di interesse proprio le questioni inerenti al progetto urbano e quindi alla forma della città. La Giornata di Studi, inoltre, sarà l’occasione per presentare i risultati del seminario progettuale “Berlin City West”, promosso dal Dottorato di Venezia e quindi dal suo coordinatore, il professore Armando Dal Fabbro, che introdurrà la sezione “Progetti per Berlino”. In quest’ultima, le scuole di dottorato in progettazione di Italia che hanno aderito all’iniziativa dello IUAV – Bari, Roma, e, in aggiunta, anche Napoli –, illustreranno il lavoro svolto durante il seminario e gli esiti della ricerca progettuale.
La Giornata di Studi, che si svolgerà il 22 gennaio 2021 (su piattaforma Microsoft TEAMs) intende quindi riflettere sulla questione delle trasformazioni urbane e sulle idee di città, sul progetto come strumento di conoscenza della forma urbana e sulla ricerca attraverso l’azione progettuale.
Link: https://bit.ly/34mvVTm

La ricerca di morfologia urbana in Italia. Tradizione e futuro. Giornata di studio

 

Esistono oggi scuole di morfologia urbana? La tradizione italiana è stata rivolta, almeno in parte, all’uso operativo degli studi sulla forma urbana. Ma è ancora possibile proporre, oggi, ricerche in chiave progettuale e didattica, oltre che interpretativa?  Qual è il lascito “aggiornato” dei maestri che hanno contribuito alla nascita di una scuola di morfologia urbana?

 

 

manifesto giornata di studio 14 gennaio 2021 (1)

Nello sforzo di rinnovare gli strumenti di partecipazione alla costruzione dei numeri della rivista, la redazione di U+D – Urbanform and Design intende organizzare l’issue number 15/2021 sul tema La ricerca di morfologia urbana in Italia. Tradizione e futuro, chiamando a collaborare gli autori fin dalla sua impostazione, che sarà discussa in una Giornata di Studio in programma per il 14 gennaio 2021.

L’iniziativa ha due finalità correlate tra loro.

Si tratta di sperimentare un nuovo metodo di progettare la pubblicazione pensandola come processo e definendone la struttura in forma partecipata.

L’iniziativa ha, poi, lo scopo di contribuire a rilanciare il dibattito sui temi della forma urbana riguardata nei sui esiti tangibili e indagata secondo metodi razionali e trasmissibili. Pur in un’accezione ampia e aperta del termine “morfologia urbana”, l’interesse dell’incontro sarà rivolto alle ricerche basate sullo studio concreto dei fenomeni urbani e sul loro esito progettuale.

Tema importante sarà anche il ruolo fondamentale che scuole e maestri hanno avuto, in Italia, nel costruire un pensiero originale sugli studi urbani, oggetto di una nuova attenzione in campo internazionale. Il dibattito dovrebbe essere incentrato, secondo le intenzioni degli organizzatori, non su uno sguardo storico e retrospettivo, ma sull’attualità del loro lascito che va confrontato con le questioni più urgenti che la crisi della città contemporanea pone.

Proponendo una riflessione rivolta al futuro ma basata sui temi della condizione contemporanea, sembra utile porre, allora, i seguenti interrogativi:

cosa si intenda oggi per morfologia urbana;

come essa venga studiata e proposta nella didattica delle scuole italiane;

come venga studiata e proposta nel progetto di architettura;

quali nuove prospettive di ricerca si possano avanzare per interpretare la fenomenica attuale.

Le differenti posizioni che emergeranno nella giornata di studio, strutturata in forma di tavoli di discussione,  contribuiranno a formare un quadro sintetico delle attività teoriche, progettuali e didattiche praticate nelle diverse scuole.

Senza avere la pretesa di esaurire il quadro delle ricerche sul tema in corso in Italia, alla giornata sono invitati studiosi delle sedi in cui sono presenti Corsi di Laurea in Architettura che operano su questo stesso orizzonte di sperimentazione con metodi e fini diversi ma, riteniamo, spesso complementari.

L’evento è aperto all’intera comunità di studiosi e architetti che operano in questo settore e che potranno partecipare come uditori mediante la piattaforma on line.

link: https://meet.google.com/fvb-wjkv-uze

 

The overturned city

 

Giuseppe Strappa

The overturned city /  La città rovesciata

U+D n.14 – editorial

Rome was certainly not the only victim of a rapid and violent consumption of the most precious part of the inherited city. The crisis of its historical fabric was however exemplary and the questions that its decline posed contain, as often in history, a universal meaning.
Some considerations on the historic city of Rome (on the way, above all, in which the crisis caused by the pandemic has posed new problems and some hope) may be of general significance not only because the city has been, for at least a century, an important place of experimentation in terms of interventions on its historical heritage, but also because it has given a significant contribution to the thought on the architecture of the modern city, that of Kahn, Venturi, Rowe, Muratori.
What is changing, therefore, in the historic city, meaning by this term not only an architectural and building heritage, but a system of values, functions and symbols inevitably in transformation?
I believe that the problem has to be posed in a broad perspective that considers the formative phases of the city fabric, posing the question in its structural terms, which are economic and political.

continue reading       editoriale n.14 – strappa NUOVO

Dormitories in Louis Kahn’s Indian Institute of Management at Ahmedabad to be demolished

Let us sign against the demolition of a monument that belongs to both India and the world
Prem Chandavarkar
An Open Letter to Indian Institute of Management Ahmedabad   

Dear Dr. D’Souza,

Iam writing this open letter to articulate the deep concern felt by many architects and non-architects, from India and elsewhere in the world, on hearing that Indian Institute of Management Ahmedabad (IIMA) plans to demolish most of the dormitory blocks designed by Louis Kahn that form a key part of the historic core of IIMA, and has invited bids from architects to redesign these dormitories, albeit in an architectural language sympathetic to the Kahn idiom.

An article in The Indian Express of 25 December 2020 raises some of these concerns and cites you as stating that you have written a letter on 23 December 2020 to all IIMA alumni, and all queries are answered in the letter. I have been through this letter and feel compelled to state that many concerns still remain.

At the famous house ‘Fallingwater’ in Pennsylvania, designed by Frank Lloyd Wright, there is a plaque that marks the moment that Edgar Kaufmann Jr. surrendered his ownership to donate the house to a trust that would preserve it as a milestone of architectural heritage accessible to the public.  The plaque cites Kaufmann’s justification of this donation, saying that there are some houses built by one man for another man whereas this is a house built by one man for all of humankind.  The work of Louis Kahn should be seen in the same spirit. Kahn was a seminal figure of 20th century architecture who occupies a unique place in history in the way his built work and writings display mastery of an architecture that is simultaneously modern and timeless. He has left a heritage that carries value to all of humankind, and IIMA has been privileged to act as a custodian of a valuable piece of this heritage.  This is a mantle that must be granted its due and not worn lightly, a fact that is already acknowledged by IIMA in naming the main plaza of the campus after Louis Kahn and acknowledging on the institution’s website that Kahn’s designs at IIMA “instil in the viewer a sense of awe and wonder”. This spirit is infectious and involves more than Kahn: it affected many who collaborated with him on the IIMA project. More significantly, it has had an impact on generations who have inhabited the spaces of IIMA, demonstrated by the fact that there are very few institutions who acknowledge the architect who designed them with the reverence that IIMA shows to Kahn on their website. It is more than the matter of a specific individual; we hold in these buildings a wider legacy the reflects primordial human spirit, and this spirit should provide the light under which the challenge of restoring the dormitories must be evaluated.

You have said in your letter to alumni, “We have grappled with questions as to why we should presume that the past is not changeable and why we should assume that future generations will value things in exactly the same way that past generations have. We wondered if it is appropriate for us to colonise future perceptions of living spaces.”  Can awe and wonder colonise the future? Are they not timeless values that sustain the core of the human soul? I urge IIMA to not look at this as a conflict between past, present and future. Heritage is not solely about the preservation of the past.  In its essence, heritage is a contemporary moment of critical discernment where we look at the past and carefully choose what is worth remembering because that memory will serve the future well.  Surely, Kahn’s legacy is a past that does not degrade, and its continued physical presence, in all its authenticity, will serve the future well through the eternal values of awe and wonder that it evokes.

You have stated that Dormitories 16,17,18, along with the restored Dormitory 15, will be retained as “they constitute the periphery of the built campus and are the first buildings that persons who enter the campus see and understand along with the LKP and associated buildings as the grandeur associated with the work of Kahn.”  This reasoning is troubling, as it implies a devaluation of heritage to place more emphasis on a public façade, assigning lesser value to what lies behind the façade. Kahn’s design is more than a façade to be seen, it is embodied in a spatial order to be experienced, where the union of the academic block, library and dormitories create an intimate network of courtyards that, along with the buildings, capture the spirit of a monastic community of learners where knowledge is collectively held as sacred. The cohesiveness of this spatial core forms the entirety of the restoration project launched by IIMA in 2014 and is something that must be preserved. To modify it substantively is to devalue the integrity of Kahn’s legacy.

It is striking that your letter does not cite a specific recommendation from Somaya & Kalappa (SNK), the firm appointed by IIMA in 2014 to steer restoration work of the Kahn designs. The quality of their effort is reflected in their restoration of the Vikram Sarabhai Library at IIMA winning an Award of Distinction in the 2019 UNESCO Asia Pacific Awards. As recently as 28 November 2020, Ms. Brinda Somaya, Principal Architect of SNK, delivered an online lecture to CEPT University on the IIMA restoration project. In that lecture, she did not mention a need to abandon any of the Kahn dormitories. She mentioned that Dormitory 15 was selected as a prototype project for restoration as it was one of the dormitories in the worst condition, and if this could be restored, the others would be easier to tackle. In her lecture, she presented the successful restoration of Dormitory 15, a fact that is also affirmed on the IIMA website. In the Indian Express article cited earlier, the reporter mentions contacting Ms. Somaya who responded that she has not been informed about this new bid for architectural services to replace 14 out of 18 Kahn dormitories. It is troubling if this is true and the decision to demolish the Kahn dormitories and invite bids to replace them with new structures was taken without consulting the experts appointed to guide the restoration of the Kahn buildings.

In Ms. Somaya’s lecture she speaks about the seismic vulnerability of the dormitory blocks. She mentioned that while they had a structural consultant to work with them on the project, they realised deeper expertise was needed, and they consulted Dr. Arun Menon of Indian Institute of Technology Madras. Dr. Menon is an internationally recognised expert on seismic design, is one of the primary authors of India’s building codes on seismic design, and one of his specific research interests cited on his CV is “Seismic Response, Assessment and Retrofit of Masonry Structures.” Ms. Somaya spoke on how Dr. Menon’s analysis showed that most of the seismic concerns in the dormitories spring from the height of the masonry drum that encloses the staircase as it rises above terrace level. In the restoration of Dormitory 15, this has been addressed by marginally reducing the height of the drum and adding masonry buttresses that are lower than the parapet height and therefore not visible from outside. It is striking that your letter does not cite any specific recommendation from Dr. Menon, despite the stature of his expertise and his involvement with the restoration project.

Your letter mentions many technical problems that have influenced IIMA’s decision to demolish close to 80% of the Kahn dormitories: seismic risk, poor quality of brickwork, cracking of masonry caused by corrosion of reinforcement rods, a pointing technique used in masonry joints that encourages water seepage, etc.  You state that these make the buildings both impractical and unsafe, and your letter implies they are determining factors. All of these problems are present in the buildings being restored: the Vikram Sarabhai Library, the Classroom Block, the Faculty Block, as well as the four dormitory blocks being restored. Clearly, IIMA would not put people in unsafe and unusable buildings, so the plan to restore these buildings shows these problems have solutions, and Ms. Somaya’s lecture presents many of these solutions.  Clearly, the technical dimensions of these problems cannot be the determining factor.

You state that three imperatives guided IIMA’s decision: (1) functional needs, (2) cultural heritage, and (3) available resources. But your letter throws no light on how you weighted these imperatives in your analysis, especially given the challenge of cultural heritage being the only one of the three whose value is almost wholly intangible. If it is primarily a matter of available resources, a value assigned to heritage would, at the very least, demand tabling an assessment of the resources needed for a complete restoration. And if there is a gap between needed and available resources, the question rises on whether IIMA made an effort to leverage its standing with government, its international reputation, its long list of illustrious alumni, and the global respect and affection granted to Louis Kahn and his designs for IIMA in order to raise the required resources. Your letter is silent on these aspects.

I can appreciate that functional needs have changed, enrolment has grown, and buildings designed close to five decades ago will not accommodate current demands. This challenge is not new; it has been successfully faced by many universities across the world, often with a history going back centuries (far longer than that of IIMA). There are multiple case studies available of how these universities have successfully preserved their built heritage yet been able to adjust to changing times, and their built heritage is a key component of the identity, brand and culture of these universities. Has IIMA surveyed these best practices across the world and benchmarked its evaluation against them? Has there been a campus-wide assessment of how to adjust to new needs, looking beyond the historic core of Kahn’s architecture? Just because the Kahn buildings are the oldest, should they be the only ones considered for demolition, especially given their heritage value? A campus-wide master plan to assess and design for long-term needs, that holds heritage conservation as a core value, should be conducted by a reputed and qualified architect, and this plan should be openly tabled and reviewed as the frame that guides the final decisions. This too finds no mention in your letter.

Your letter states, There were even difficult questions around the central theme of Kahn’s work at the campus which was that everything was planned around the idea of meeting. In today’s world our experience is that students hardly use these shared spaces as they have gravitated to virtual modes of interacting.”  It is true that cyberspace is far more significant to the current generation of students than to earlier generations. But this recognition should not be given undue weightage. First, it is not correct to assume that physical meeting spaces are no longer significant as they have been completely appropriated by cyberspace; students still value physical meeting, and a visit to any reasonably priced coffee house or pub is sufficient to demonstrate this.  Second, as the work of scholars such as Tristan HarrisHossein Derakshan, and Zeynep Tufekci shows, there is a growing body of literature that shows virtual fora to be tempting but damaging, for they decrease capacity for concentrated attention and analysis, encourage addictive behaviour, induce psychological alienation, and reduce ability to cope with diversity due to social fragmentation into filter bubbles of like-minded people. Third, there is significant management literature to demonstrate the value of physical and serendipitous interaction; to name a few sources touching on this aspect that come readily to mind, Ettiene Wenger’s work on communities of practice, Nonaka and Takeuchi’s study on how Japanese corporations leverage tacit knowledge, and Peter Senge’s articulations on personal mastery. It would be a shame if a premier institution like IIMA surrenders so readily to the temptations of the virtual, especially given the power of face-to-face interaction is so intrinsically baked into the bricks and mortar of the campus core. While the pandemic may have temporarily put the brakes on physical meetings, they are not lost to us forever. The power of serendipitous physical meetings can easily be revived and leveraged if this is adopted by the institution as an explicit pedagogical goal.

I beseech you to place this issue once more before the Governing Council to be evaluated afresh given the concerns articulated here. I urge the Governing Council to look at the Kahn dormitories heeding the words of the famous economist Kenneth E. Boulding in his classic paper “The Economics of the Coming Spaceship Earth”, where he says, “….the welfare of the individual depends on the extent to which he can identify himself with others, and that the most satisfactory individual identity is that which identifies not only with a community in space but also with a community extending over time from the past into the future. If this kind of identity is recognized as desirable, then posterity has a voice, even if it does not have a vote; and in a sense, if its voice can influence votes, it has votes too. This whole problem is linked up with the much larger one of the determinants of the morale, legitimacy, and nerve of a society, and there is a great deal of historical evidence to suggest that a society which loses its identity with posterity and which loses its positive image of the future loses also its capacity to deal with present problems, and soon falls apart.”

Yours sincerely,